IMPLANTOLOGIA DALL'A ALLA Z - Studio Dentistico dott. Pierluca Vivaldini GAMBARA BRESCIA

STUDIO DENTISTICO

Dott. PIERLUCA VIVALDINI

Vai ai contenuti
INFORMAZIONI

Appuntamenti e orari di apertura dello studio

Siamo aperti 6 giorni alla settimana:
  • Lunedì     09,00 - 12,30     15,30 - 19,00
  • Martedì    09:00 - 14,00
  • Mercoledì 09,00 - 12,30     15,30 - 19,00
  • Giovedì    09:00 - 14,00
  • Venerdì    09,00 - 12,30     15,30 - 19,00
  • Sabato     09:00 - 14,00

Gentile paziente
in caso di dubbi o perplessità
dopo l'intervento clicchi su questa pagina
se non trova le informazioni necessarie
ci contatti al nostro
numero di telefono
030 9956178




Quello che normalmente i pazienti chiedono o voglio sapere

IMPLANTOLOGIA DALL'A ALLA Z

per lei, qui sotto, alcune informazioni sull'implantologia dentale
raggruppate in ordine alfabetico









ALLERGIA
______________

C'è la possibilità di un'allergia agli impianti?
Da oltre quarant'anni non sono note intolleranze agli impianti di titanio. Il materiale non ha componenti allergenici e nell'organismo si comporta in modo del tutto neutro.









AEROPORTO - CONTROLLI
______________

L'impianto viene rilevato con un beep, per esempio nei controlli aeroportuali?
No, gli impianti non sono magnetici e troppo piccoli. Non provocano nessuna risposta da parte dei rilevatori.









ANESTESIA
______________

Per l'inserimento degli impianti è necessaria un'anestesia totale?
No, con un'anestesia locale la percezione di dolore nell'osso mascellare può essere completamente modulata. Quando la sede dell'impianto nell'osso viene preparata e l'impianto viene inserito, il paziente avverte una vibrazione e una leggera pressione, ma non sente dolore.





BELLEZZA DEI DENTI
______________

Mi servono solo singoli impianti, però nel complesso vorrei denti più bianchi, più belli. Quali soluzioni ci sono?
Mentre la dentatura naturale può essere resa più splendente con un bleaching oppure essere rivestita con resina o piccole faccette in ceramica (i cosiddetti Veneers); le corone per gli impianti vengono subito realizzate in una sfumatura più chiara o adattate alla nuova forma del dente.












CARICO IMMEDIATO
______________

Che cosa si intende esattamente con "carico immediato"?
Normalmente all'inserimento dell'impianto segue una fase di assimilazione senza carico. Con questa procedura un provvisorio tradizionale chiude temporaneamente la lacuna. Se si rileva una situazione ossea ottimale, eventualmente è possibile anche un carico immediato degli impianti. Questo significa che un provvisorio o una protesi vengono fissati direttamente sull'impianto appena inserito. Così Lei può avere impianti e denti fissi in uno stesso giorno.
Ulteriori informazioni sotto la voce "Durata del trattamento".












CONSULENZA MEDICA
______________

Che cosa mi aspetta nel colloquio di consulenza?
Si discute dettagliatamente con Lei su situazione di partenza, iter e desideri concreti. Si ricordi di comunicare eventuali patologie generiche o farmaci che deve assumere regolarmente.













SENZAZIONE DI CORPO ESTRANEO
______________

I denti supportati da impianti trasmettono una sensazione diversa dai denti naturali?
Mentre si parla, si mangia e si ride, i denti supportati da impianti Le trasmettono una sensazione della bocca del tutto naturale. Lei non avverte nessuna differenza. Non è una novità sentir dire il paziente dopo anni dall'implantologia dire:- "Non ricordo quali sono i miei denti e quelli che mi ha messo"













COSTI IMPLANTOLOGIA DENTALE
______________

Quanto viene a costare un trattamento implantare?
Le spese possono variare a seconda del trattamento e del numero degli impianti. Un chiarimento più preciso sulle spese da affrontare Le sarà fornito prima del trattamento nel piano terapeutico e delle spese.






CURA DEGLI IMPIANTI E IGIENE
______________

Come curo i denti sugli impianti?
Lei può pulire i denti supportati da impianti in modo altrettanto semplice con spazzolino (elettrico) e dentifricio, come faceva con i predecessori naturali. Particolarmente importante è la pulizia degli spazi interdentali e delle zone ai margini della gengiva. Qui si depositano rapidamente germi che possono aggredire la gengiva e nel corso del tempo anche l'osso mascellare attorno all'impianto. Con il filo interdentale o con piccole spazzole per la pulizia interdentale, però, è possibile evitarlo.













DIABETE
______________

Posso inserire un impianto anche se soffro di diabete?
Sì, solo che dovrebbe seguire una terapia ottimale. Se il diabete non è adeguatamente trattato o non lo è del tutto, può pregiudicare i processi di guarigione a causa del metabolismo. In caso di dubbio, l'implantologo si consulterà con il Suo medico di base.













DOLORI
______________

Avrò dolori dopo l'intervento?
Nei primi giorni probabilmente la gengiva sarà ancora sensibile. Eventualmente la guancia può subire un gonfiore temporaneo e si può avvertire una sensazione sgradevole. La maggior parte dei pazienti, però, il giorno dopo non ha bisogno nemmeno di un antidolorifico e può riprendere normalmente la vita di tutti i giorni.











DOPO L'OPERAZIONE IMPLANTARE
______________

Di nuovo a casa: le prime cose da fare.
Nelle prime ore dopo l’operazione tenere ripetutamente fredda la guancia dall’esterno. In questo modo si evitano gonfiori o perlomeno li si limitano notevolmente. La cosa migliore è prepararsi prima dei cubetti di ghiaccio o due accumulatori di freddo da alternare.

Seduti o distesi. Che cosa è meglio dopo l’operazione?
Quando si è distesi, la pressione sanguigna nella testa sale. Di conseguenza, durante le prime ore dopo l’operazione, è meglio rimanere seduti. Ma anche un movimento moderato fa bene. Una passeggiata alla sera stimola la circolazione sanguigna e linfatica. Tuttavia, per alcuni giorni, sarà meglio evitare sforzi e attività sportive.



Come devo comportarmi con cibi e bevande?
Con il cibo e le bevande calde bisogna assolutamente attendere finché è scomparso l’effetto dell’anestesia locale. Altrimenti sussiste il pericolo di scottarsi o mordersi accidentalmente la guancia. Se si ha sete quando si avverte ancora l’effetto dell’anestetico, la cosa migliore è bere acqua.

Che cosa è meglio mangiare dopo l’operazione?
Finché i punti non sono stati tolti, l’ideale sono i pasti leggeri, come verdura, insalata o pesce. Gli alimenti collosi, contenenti farina e duri, faticosi da masticare, possono causare infiammazioni. Quindi è meglio evitarli.

Il caffè può nuocere?
Il caffè può favorire le emorragie e ostacolare la guarigione della ferita. Lo stesso vale per tè nero, Cola, alcool e nicotina. Quindi, nei primi giorni dopo l’operazione, sarebbe meglio rinunciarvi completamente.

Si può masticare sulla ferita fresca?
Finché la ferita non è del tutto rimarginata, si dovrebbe masticare sempre sull’altro lato. Comunque non è grave se la ferita entra in contatto con generi alimentari. Dopo l’assunzione di alimenti, sciacquare bene la bocca con acqua calda.


Quando si può riprendere a lavare i denti?
Si possono lavare i denti già il giorno dell’operazione. Entro il giorno successivo lo si deve assolutamente fare per evitare che nel cavo orale si formino placca e batteri che favoriscono le infiammazioni . Tuttavia si deve evitare la zona della ferita. E’ meglio utilizzare uno spazzolino morbido, qualora si passasse per sbaglio sulla ferita, non spazzolini elettrici né idropulsori.

Avvertirò dolori al termine dell’anestesia?
A seconda del numero di impianti inseriti, possono sicuramente insorgere dolori. Normalmente però si tratta di dolori che passano con l’assunzione degli antidolorifici comunemente in commercio. La prima notte si consiglia di dormire con la testa un po’ sollevata per evitare un afflusso eccessivo di sangue alla testa.

La ferita è molto sensibile?
La sensibilità si riduce di giorno in giorno. Per evitare irritazioni o infiammazioni, non toccare le ferite con la lingua o con le dita.

La ferita può sanguinare ancora dopo la sutura?
Poco dopo l’operazione sono del tutto possibili lievi perdite di sangue goccia a goccia che rientrano nella norma. Tuttavia, se dopo ore o giorni, la ferita riprende a sanguinare veramente, qualcosa non quadra ed è necessario contattare immediatamente il proprio medico.
Quando vengono tolti i punti?
Solitamente i punti vengono tolti 7 - 10 giorni dopo l’inserimento degli impianti. Il medico stabilirà la data esatta.


Cosa succede dopo che sono stati tolti i punti?
Dopo aver tolto i punti l’impianto deve innanzitutto assimilarsi. A seconda del sistema dell'impianto scelto, alcune settimane dopo sarà inserita una vite di guarigione sull’impianto, che darà forma alla gengiva. Questa vite sarà poi sostituita poco tempo dopo dalla protesi definitiva.

Dà fastidio la vite di guarigione?
Praticamente no. La maggior parte dei pazienti si abitua nel giro di poche ore. Ma anche qui vale ciò che si è detto per gli impianti: evitare di passarci sopra la lingua o le dita. E pulire solo leggermente con lo spazzolino da denti.









I NUOVI DENTI SU IMPIANTI DENTALI
COME PULIRLI
______________

Che cosa bisogna considerare nella cura dei nuovi denti?
In linea di massima le corone o i ponti supportati da impianti richiedono la stessa cura dei denti naturali. E cioè lavare bene i denti due volte al giorno e una volta al giorno pulire gli spazi interdentali. Inoltre con gli impianti - e ciò è particolarmente importante – pulire gli interspazi impianti-gengiva. La cosa migliore è pulire questi punti alla sera con uno spazzolino sottile per gli spazi interdentali.


Come si cura la protesi estraibile?
Se si porta una protesi su impianti, ricordarsi di pulire non solo la protesi ma anche i collegamenti che spuntano dalla gengiva due volte al giorno con lo spazzolino da denti. Anche qui è importante: pulire una volta al giorno con lo sottile spazzolino per gli spazi interdentali la regione attorno al collegamento con il mascellare.

Perché questi interspazi sono così importanti nella pulizia?
In questi punti i batteri che si trovano nei residui di cibo e nella placca possono insediarsi molto facilmente nella gengiva e penetrare nell'osso. Ne conseguono infiammazioni che nel peggiore dei casi possono persino provocare la perdita dell'impianto.

Si possono pulire gli interspazi anche con il filo interdentale?
Certo che si può. Tuttavia, durante il movimento rapido con il filo interdentale, sussiste il pericolo di ferire la gengiva. Gli spazzolini interdentali sono più morbidi, sicuri ed efficienti. Il team per l'igiene dentale del dentista, che si occupa regolarmente ella cura professionale dei Suoi denti, Le indicherà come usare correttamente lo spazzolino.













RICOSTRUZIONE OSSEA E/O INNESTI OSSEI
______________

Quando può rendersi necessaria una ricostruzione ossea?
Quando nell'osso mascellare mancano denti per un periodo prolungato, e quindi il naturale carico masticatorio, lentamente l'osso recede.
Se la sostanza ossea è così indebolita o sottile che un impianto non trova più nessun supporto, può rendersi necessaria una ricostruzione ossea. Il tessuto osseo viene ripristinato nel modo più delicato possibile con tessuti endogeni o materiale osseo sostitutivo. Il materiale per la ricostruzione viene collocato direttamente sull'osso e gradualmente convertito dall'organismo in sostanza ossea resistente al carico. In questo modo l'osso può essere allargato o alzato.
Nella mascella posteriore l'osso viene alzato per lo più attraverso un cosiddetto rialzo del seno mascellare (diretto o indiretto). Così si evita che una parte dell'impianto sporga nel seno mascellare.

Spesso è possibile effettuare la ricostruzione ossea direttamente durante l'inserimento dell'impianto. Però può anche essere necessario un intervento ambulatoriale a parte in una seduta antecedente.











RISCHI
______________

L'impianto è connesso a rischi?
L'inserimento di un impianto è una piccola operazione. Complicazioni durante l'operazione, come lesioni di nervi e vasi sanguigni, in realtà sono sempre possibili. Tuttavia oggigiorno, grazie alle possibilità della diagnostica e della pianificazione, questi rischi si possono ampiamente escludere. Eseguito da un implantologo qualificato, l'inserimento di un impianto non presenta più rischi dell'estrazione di un dente del giudizio.
Anche l'osteo-fibro-integrazione di un impianto completamente è molto rara: può accadere, in casi eccezionali che l'osso non racchiuda l'impianto con sufficiente stabilità. Dunque non sarebbe abbastanza resistente al carico e molto probabilmente dovrebbe essere rimosso. Questo però non evita la possibilità di una futura osteo-integrazione con un secondo impianto.


E se il tessuto peri-implantare si infiamma?
Rilevate in tempo, le infiammazioni, causate per lo più da batteri, si possono sottoporre a terapia con esito positivo. Se Lei va ai controlli e alle sedute di profilassi con costanza e si lava regolarmente i denti, non avrà nulla da temere.












SOSTITUZIONI DELLE PROTESI O LORO ESTENSIONI
______________

Una protesi sostenuta da impianti può essere sostituita od estesa?
Sì, la protesi può essere sostituita o modificata in qualsiasi momento. Un impianto per dente singolo può essere trasformato senza problemi, anche dopo anni, in un pilastro per un ponte o una protesi.

Ho già una normale protesi totale. Per il fissaggio degli impianti me ne serve una nuova?
Se la protesi esistente garantisce un carico ottimale degli impianti e una buona funzione masticatoria, può essere ritoccata per un fissaggio di impianti.













SPORT E IMPLANTOLOGIA
______________

Si può praticare attività sportiva dopo l'inserimento di impianti?
Dopo l'inserimento di un impianto il moto non costituisce assolutamente un problema. Per le attività che richiedono un certo impegno fisico, dovrebbe prima consultarsi. Per non pregiudicare la guarigione della ferita, si consigliano alcuni giorni di pausa.









TENUTA E DURATA DEGLI IMPIANTI DENTALI
______________

Quanto dura un impianto?
Dopo la fase di assimilazione, un impianto di qualità inserito a regola d'arte resiste a determinati fattori di condizionamento meglio della radice naturale del dente. Un impianto in titanio caricato in modo ottimale non si rompe e non può cariarsi. Con una regolare igiene orale Lei può mantenere gengiva e sito implantare sani. Così gli impianti possono durare per tutta la vita.














TRATTAMENTO IMPLANTARE
______________

Quando e come vengono messi i denti sull'impianto?
Con un andamento normale della guarigione, dopo 4-5 mesi circa gli impianti sono ben assimilati nella mascella e dopo tre mesi circa nella mandibola. Ora si possono fissare le corone nuove. Innanzitutto vengono nuovamente scoperte le "teste degli impianti". Su queste vengono applicate delle cappette provvisorie che modellano correttamente la gengiva. Quindi viene rilevata l'impronta, che all'odontotecnico serve da modello per la realizzazione della protesi. Dopo aver stabilito con esattezza il colore e in segito alla prova, la protesi viene fissata saldamente sugli impianti. La superficie dei nostri impianti può accellerare i tempi di assimilazione che si traducono in una riduzione del tempo di attesa.

Durante il trattamento e nella fase di assimilazione sono senza denti?
Se prima si portava una protesi estraibile, di solito si può continuare a portare questa protesi adattandola un po'. Altrimenti la lacuna viene chiusa con un provvisorio. Con determinate premesse il provvisorio può essere fissato subito sull'impianto, quindi si tratta di un cosiddetto 'provvisorio a lungo termine'. Vedi voce: Carico Immediato





DOVE SIAMO

STUDIO DENTISTICO DOTT. PIERLUCA VIVALDINI


via Brescia, 28

25020 GAMBARA - BS -


Telefono:
030 99 56 178

Email:
segreteria@vivaldini.it
Arte medica, qualità delle cure e innovazione

ODONTOIATRIA ITALIANA

CREATE BY PIERLUCA65 | VIVALDINI.IT
Torna ai contenuti