Edondonzia Cremona Brescia - Studio Dentistico Dott. Pierluca Vivaldini

Vai ai contenuti

ENDODONZIA

Il trattamento del canale radicolare o trattamento endodontico è comunemente chiamato "devitalizzazione", consiste nel pulire il tessuto pulpare malato del dente e riempirlo nuovamente con materiale biocompatibile per sigillarlo.
È uno dei trattamenti più comuni in Odontoiatria e il suo scopo è di salvare un dente considerato morto, malato o danneggiato.
Sebbene ci siano altri fattori che possono portare a questa situazione, la verità è che il più delle volte questo problema è causato dall'esistenza di cavità cariose profonde.
Se non vengono affrontate in tempo, danneggiano la polpa del dente , situata nella parte più profonda dei denti stessi.
Sebbene in molti casi la carie possa essere trattata con un'otturazione dentale ci sono altri casi in cui il danno subito dal dente è così grande che è necessario ricorrere all'endodonzia, specialmente se il dente fa male o in presenza si un ascesso dentario.
Una volta eseguito questo trattamento endodontico, il dente viene ricostruito in modo che abbia un aspetto naturale, riacquisti la sua funzionalità e non torni al disagio presente durante le attività quotidiane, come mangiare.

Cos'è un trattamento canalare?

L'endodonzia o il trattamento canalare è una procedura conservativa che consiste nell'estrazione totale o parziale della polpa danneggiata di un dente e nella sigillatura del canale pulpare.
Trattamento endodontico con strumento endocanalare
La polpa del dente è un piccolo tessuto molle che contiene i nervi e i vasi sanguigni .
Si trova nella parte più interna del dente e comunica con l'osso mascellare.

Oltre ad aiutare a formare il dente, la polpa serve a percepire gli stimoli esterni.

Questo intervento permette di mantenere la funzionalità del dente, oltre che la sua estetica, ed è l'ultima risorsa per salvare un dente malato senza doverlo estrarre .

Questo intervento viene effettuato esclusivamente sui denti definitivi, quindi un canale radicolare nei bambini non viene fatto perché sono i loro denti da latte (viene eseguito in maniera diversa).

In caso di presentazione di un dente temporaneo danneggiato, viene utilizzata una pulpectomia .

Perché un dente è danneggiato?

Come abbiamo anticipato in precedenza, la causa principale di una lesione in quest'area è l'esistenza di una cavità cariosa.

Tuttavia, potrebbero esserci anche altri motivi:

  • Forti traumi o colpi
  • Fratture
  • Altre patologie legate alla radice o all'osso che circonda il dente

L'otturazione è un trattamento molto più semplice di un canale radicolare.

Pertanto, la nostra raccomandazione è sempre di andare dal dentista non appena iniziamo a notare strani segni nella nostra bocca, come, ad esempio, la sensibilità in un dente .

Successivamente, descriveremo in dettaglio i sintomi che possono indicare che abbiamo bisogno di un'otturazione o di un canale radicolare.

Quali sono i sintomi di pulpite?

Queste lesioni portano a infezioni, infiammazioni e necrosi della polpa .

Pertanto, la persona avverte un dolore che può essere intermittente o costante e di intensità variabile .

  • PERCHÉ LA POLPA DENTALE PUÒ INFIAMMARSI?

Le cause più comuni sono le seguenti.

La prima è la carie , che provoca una demineralizzazione del tessuto dentale e con essa una perdita di parte della struttura del dente, lasciando la polpa non protetta. Questo normalmente causa una sensibilità alle ale variazioni della temperatura e, in ultima analisi, dolore. Ciò significa che la polpa si è infiammata.

Un'altra causa sono le grandi otturazioni ( otturazioni ) . In questo caso la polpa dentale può subire un trauma, la  polpa dentale si difende ritirandosi diventando atrofica i e talvolta la polpa va in necrosi, muore, dando luogo a infezioni e queste infezioni a loro volta ad ascessi e flemmoni.

Un meccanismo simile può essere causato da traumi, insulti o a parodontopatia.

  • I SEGNI DI UNA POLPA DOLENTE O INFIAMMAZIONE DEL NERVO che indicano che il dente è candidato alle cure canalari:


    • Dolore spontaneo
    • Sensibilità prolungata al freddo o al caldo
    • Disagio durante la masticazione
    • Il colore dei denti cambia in una tonalità più scura
    • Gongiore e fastidio alle gengive attorno al dente
    • Aspetto di un flemmone o di una fistola


Se percepisci uno di questi sintomi, non esitare a contattarci , perché nella maggior parte dei casi la risposta al nostro trattamento è immediata. La filosofia di questo studio dentistico è quella di cercare di essere il più conservativi possibile, l'endodonzia ci permette di salvare gran parte dei denti che senza essere trattati dovrebbero essere estratti.

Quanti tipi di endodonzia esistono?

A seconda del tipo di dente colpito dalla lesione, troviamo tre diversi tipi di endodonzia.

Sebbene la procedura stessa sia la stessa, sarà più veloce e più facile endodontizzare un dente con un canale rispetto a uno che ne ha tre:

Uniradicolare : il dente colpito ha un'unica radice e un unico canale pulpare
Birradicolare : il pezzo interessato ha due radici e due canali pulpari
Multiradicolare : il dente ha più di due radici e più di due canali pulpari

2 - Rimozione del tessuto infetto e pulizia

Una volta effettuato l'accesso alla camera pulpare, iniziamo con la preparazione dei canali che consiste in un'alesatura e rimozione del tessuto infetto e sterilizzazione dei tragitti canalari.

Per questo, opteremo per una procedura endodontica rotativa invece di lavorare con gli strumenti tradizionali utilizzati nella procedura manuale o alternando le procedure.

Cioè, tramite un motore e un sistema di lime rotanti, rimuoviamo il tessuto infetto e puliamo lo spazio che è stato lasciato libero nel canale radicolare.

Questa zona non è altro che il canale derivante dall'area in cui risiedeva la polpa o nervo dentale.
Endomotore dentsply xmart

Come si fa un trattamento canalare?

Innanzitutto è opportuno precisare che un canale radicolare può essere eseguito in una o più sedute .

Questo è qualcosa che il dentista deciderà in base a fattori come la complessità tecnica del caso o la situazione clinica del paziente.

In ogni caso, i passaggi per eseguire questa procedura sono:

1-Anestesia e accesso alla camera pulpare

Affinché il trattamento canalare non faccia male, il primo passo è applicare l'anestesia locale.

Quando si esegue un canale radicolare, viene utilizzato un prodotto chiamato diga di gomma.

Sebbene non sia un nome molto noto, è un tessuto appositamente realizzato per isolare il dente da trattare.

Una volta che l'area è insensibile, facciamo un piccolo foro nel dente .

In questo modo, accediamo alla camera pulpare, la parte centrale del dente che è cava e ha numerosi vasi sanguigni e terminazioni nervose.

3 - La chiusura canalare

Una volta disinfettata l'area, modelliamo ogni canale dandogli una forma conica per facilitarne il riempimento con il materiale di chiusura.

Il metodo utilizzato per eseguire questa otturazione è la guttaperca calda  e questo metodo differisce dalle altre procedure tradizionali. Si una un fornelletto dericato che riscalda la guttaperca per poi posizionarla in pochi secondi.

La guttaperca calda ha diversi vantaggi :

  • Riduce il tempo del disagio postoperatorio

  • Riduce il rischio di fratture delle radici dei denti

  • Facilita il riempimento delle irregolarità del canale

  • Riduce il rischio di perdita coronale


Fornelletto Thermaprep e termaphil

4 - Riempimento e sigillatura fino all'apice radicolare

Il materiale riempitivo viene inserito fino a raggiungere la parte finale di ciascun canale detto apice e, una volta raggiunta tale parte finale, anche i canali saranno riempiti fino alla camera pulpare.

A questo punto, è particolarmente importanteche tutto sia ben sigillato onde evitare future infezione batteriche (ascessi e flemmoni).

Ci affidiamo ai raggi X per garantire che tutto sia corretto, dalla misurazione con gli strumenti (lunghezza canalare) alla chiusura canalare e chiusura in apice.
Radiografia endorale di un trattamento endodontico

5 - Ricostruzione del dente

Nel caso in cui il dentista decida che è necessaria più di una seduta per completare il trattamento, non ricostruirà definitivamente il dente alla prima visita, ma riempirà il dente con materiale provvisorio.

Una volta terminata l'endodonzia, procederemo alla ricostruzione della parte coronale del dente per ripristinarne l'aspetto naturale .

Ricostruzione dopo un canale radicolare

A seconda del livello di distruzione che il dente ha subito, la ricostruzione può essere di due tipi:

    • Ricostruzione con compositi altamente estetici:

Sono utilizzati su denti che hanno subito danni minori.

Pertanto, sarà semplicemente necessario riempire la parte mancante del dente con il composito, mediante stratificazione del composito e modellazione anatomica .

  • Perno intraradicolare e corona:

Sono usati su denti che hanno subito grandi distruzioni.

Poiché la parte mancante del dente non può essere riempita con composito , poiché è troppo grande, è necessario inserire un perno o un perno in fibra di vetro e successivamente posizionare una corona .

Il posizionamento di entrambi - perno e corona in fibra di vetro - è particolarmente importante nei molari.

La fibra di vetro è un materiale estetico molto resistente che non si corrode .

Si consiglia di mettere una copertura in quei casi in cui rimane poca struttura del dente e quindi la ricostruzione occupa gran parte del dente, per evitare future fratture, soprattutto dei denti posteriori, che sono quelli che sopportano le maggiori forze masticatorie. In molti casi i cappucci prevengono la perdita dei denti.



Una volta che è stato terminato il trattamento endodontico il sistema canalare è stato sigillato permanentemente. Tuttavia, la superficie esterna è sigillata con un restauro temporaneo, si raccomanda la massima attenzione nel masticare in quanto l'elemento dentario rimarrà debole fintantochè non sarà restaurato. Il dente poi sarà poi ricostruito con un'otturazione, oppure un intarsio, oppure una corona. Il dente potrà essere rinforzato con un perno, quest'ultimo non è confondersi con un impianto dentale.

6 - Follow-up e controlli successivi

Una volta terminato l'intero processo, è fondamentale effettuare un successivo follow-up per verificare l'evoluzione del dente trattato endodonticamente .

Visite regolari dal dentista e confronto tra i raggi X "prima" e "dopo" determineranno se il trattamento è servito allo scopo.

Avrò dolore dopo il canale radicolare?

Come abbiamo notato sopra, il trattamento canalare viene eseguito in anestesia locale.

Questo è il motivo per cui il paziente non avverte alcun dolore durante questa procedura .

Tuttavia, una volta completato, i tessuti che circondano il dente si saranno infiammati e potrebbe comparire disagio quando l'effetto dell'anestesia svanirà .

Ad esempio, questi disagi possono verificarsi durante le attività quotidiane, come mangiare .

In caso di sensazione di qualsiasi tipo di dolore, scomparirà dopo pochi giorni e può essere controllato con farmaci prescritti dai medici.

Ogni anno, i denti di milioni di pazienti vengono trattati con un trattamento endodontico, quindi è un trattamento comune che non presenta praticamente alcun rischio.

Ha un tasso di successo molto alto e il fallimento del trattamento di solito non si verifica se tutti i passaggi sopra menzionati sono stati eseguiti correttamente.
L’Endodonzia moderna è basata su principi di mini invasività, volti a preservare l’integrità strutturale dell’elemento dentale trattato. Questi principi devono essere rispettati in tutte le fasi della procedura endodontica, a cominciare dalla cavità d’accesso, fino ad arrivare all’otturazione del sistema dei canali radicolari. Grazie ai sistemi ingrandenti, all’introduzione di nuovi strumenti per la sagomatura, concepiti con moderni design e leghe altamente performanti, è oggi possibile ottenere dei risultati ripetibili e predicibili.
Spero che siano state soddisfatte le tue domande: Quanto dura il dolore dopo una devitalizzazione? Perchè fa male il dente dopo la devitalizzazione? Che cosa non fare dopo una devitalizzazione, che cosa succede a un dente devitalizzato. Che cosa mangiar dopo aver devitalizzato un dente?

Per un paziente maggiormente informato

Che cos'è l'endodonzia?

L'endodonzia è una disciplina dell'odontoiatria riguardante le malattie inerenti alla polpa dentale e i tessuti che lo circondano - endodonto-. Il trattamento endodontico, o il trattamento del canale radicolare, tratta il tessuto molle della polpa all'interno del dente.
Il trattamento del canale radicolare (devitalizzazione) prevede la rimozione della polpa infetta ( del nervo dolente) dalle camere pulparie dai canali radicolari del dente. La polpa è lo strato più interno del dente e contiene nervi e vasi sanguigni, mentre le radici dei denti sono le strutture dentinali sotto la linea gengivale responsabili dell'ancoraggio del dente nell'osso e lo mantengono in situ.
Quando la carie attraversa lo smalto (strato esterno della corona del dentale) e la dentina (strato intermedio), infetta la polpa e provoca infiammazione e dolore. La polpa infetta può anche essere il risultato di malattia parodontale, frattura del dente o una lunga storia di restauro. Una volta che la polpa viene infettata, l'unico modo per salvare il dente dall'estrazione è eseguire una terapia endodontica (devitalizzazione).
L'edodonzista o dentista rimuove il tessuto pulpare infetto, quindi puliscono la camera pulpare rimanente e i canali radicolari per liberarli da eventuali batteri persistenti. Dopo aver pulito la camera pulpare,  i canali radicolari e loro alesatura, viene inserito un materiale di riempimento all'interno dei canali radicolari (guttaperca e cemento sigillante) e della camera pulpare per prevenire ulteriori infezioni sigillando il dente. Infine, una corona dentale o otturazione o intarsio viene posizionata sopra il dente interessato per proteggerlo da eventuali danni.

I ritrattamenti canalari

Sovente capita di vedere denti mal devitalizzati, tattasi di un fallimento endodontico e quindi è necessario un ritrattamento del canale radicolare. Il ritrattamento del canale radicolare utilizza lo stesso processo di un canale radicolare, tranne per il fatto che il materiale di riempimento viene rimosso poiché non vi è più polpa. Anche la corona dentale precedentemente posizionata o intarsio o otturazione deve essere rimossa per accedere alla camera pulpare del dente. Creato l'accesso, la camera pulpare e i canali radicolari verrann nuovamente puliti e rinchiusa.

Apicectomia o microchirurgia endodontica

Hai un forte mal di dente? Oppure un ascesso causato dai denti? Vuoi conoscere come puoi essere curato? Qui descriviamo dell'endodonzia, una disciplina odontoiatrica.

La microchirurgia endodontica, o apicectomia, viene eseguita dopo una procedura del canale radicolare se i batteri nei canali radicolari continuano a diffondersi nell'osso sottostante, causando un'infezione o un ascesso. La microchirurgia endodontica viene eseguita al microscopio per preservare la corona del dente.
Durante la microchirurgia endodontica, l'osso infiammato e il tessuto infetto vengono rimossi. Una volta rimosso completamente il tessuto infetto, viene posizionato un riempimento per sigillare l'area interessata e le gengive vengono cucite per una migliore guarigione.
Nei prossimi mesi, il nuovo tessuto osseo crescerà e riempirà lo spazio in cui si trovava l'ascesso. Dopo sei mesi, fisseremo un appuntamento di follow-up con voi per garantire che si sia verificata una crescita ossea adeguata e adeguata.

Istruzioni post endodonzia

Una volta terminato il trattamento del canale radicolare, sarai in grado di tornare al lavoro, a scuola o alla solita routine. L'anestetico locale utilizzato per mantenerti a tuo agio durante la procedura svanirà entro un paio d'ore dopo la procedura. Il nostro obiettivo è offrirti il ​​miglior servizio possibile in modo che tu sia completamente soddisfatto del tuo trattamento. In caso di domande o dubbi dopo la procedura, ti consigliamo vivamente di chiamare il nostro ufficio.

Nei giorni successivi al trattamento del canale radicolare e fino a 10 giorni dopo l'intervento, potresti avvertire lieve dolore, dolore, gonfiore e sensibilità dei denti. La sensibilità dei denti può sembrare una sensazione pulsante che si verifica quando si morde o si mastica con il dente interessato. Sei particolarmente incline a uno di questi effetti collaterali se li hai sperimentati prima del canale radicolare.
Assicurati di assumere tutti i farmaci prescritti dal nostro ufficio come indicato.
Continua la tua routine quotidiana di spazzolatura e filo interdentale, ma fai attenzione a non rimuovere il riempimento temporaneo sul dente interessato.
Se si dispone di un riempimento temporaneo, evitare di masticare sul lato del dente interessato per almeno un'ora dopo la procedura e quindi prestare attenzione durante la masticazione per evitare che il riempimento cada. Si raccomanda di evitare del tutto la masticazione sul lato del dente interessato e soprattutto di evitare cibi duri o gommosi. Si consiglia inoltre di bere liquidi non appena il canale radicolare è terminato, poiché ciò aiuta a indurire il riempimento temporaneo.
Entro 15 giorni dal trattamento del canale radicolare, dovrai fissare un appuntamento di follow-up per proseguire con la ricostruzione del dente. Prima pianifichi questo appuntamento, prima sarà possibile effettuare il restauro permanente. Ritardare il posizionamento di un restauro permanente può causare nuovamente danni o infezioni al dente.
In caso di forte dolore o gonfiore dopo il canale radicolare, chiamare il nostro ufficio.

Tecnologia endodontica

I trattamenti endodontici hanno fatto molta strada negli ultimi anni a causa in parte dei moderni progressi nella tecnologia endodontica. Visitare un endodontista è molto diverso da come sarebbe stato anche solo pochi anni fa grazie agli strumenti di imaging
digitale avanzati che aiutano ad automatizzare le procedure. Questi strumenti consentono una migliore precisione, maggiore comfort e risultati migliori per i pazienti.

Alcune tecnologie avanzate che puoi trovare nel nostro studio:



  • Localizzatori d'apice - Dispositivi elettronici in grado di identificare l'apice, o endpoint, di una radice del dente. Con un'accuratezza superiore al 96 percento, questo dispositivo consente a un endodontista di amministrare il riempimento radicolare entro 0,5 mm dall'apice.
  • Ultrasuoni: dispositivi avanzati in grado di attivare sostanze sterilizzanti i canali, rimozione di frammenti nei canali. Gli ultrasuoni possono consentire di identificare canali calcificati e aiutare a preservare il dente naturale.
  • Sistemi ingrandenti che  garantiscon una maggiore visibilità del sito di trattamento per consentire agli endodontisti di vedere meglio il sistema radicolare nei dettagli. Consentono una maggiore precisione nel trattamento di complicate strutture radicolari.
  • Radiografia digitale - I raggi X digitali sono in grado di rivelare carie nascoste, erosione ossea e persino carie che si nascondono sotto i restauri. Permettono di fare una diagnosi e di seguire il trattamento canalare fin alla fine e verificarne il buon risultato
  • 3D Cone Beam Imaging - Tecnologia che cattura immagini a 360 gradi di denti, mascella e tessuti connettivi.


Torna ai contenuti